ReteINDACO per bibliotecari


Aderire a ReteINDACO significa entrare a far parte di una  “rete partecipata” nazionale, basata sulla cooperazione.

I bibliotecari delle biblioteche e dei sistemi bibliotecari esercitano un ruolo di indirizzo generale e di concreto intervento operativo attraverso il Comitato Scientifico ReteINDACO ,

Nel Comitato sono rappresentate tutte le biblioteche e i sistemi aderenti alla rete  [per approfondire … ].

ReteINDACO per bibliotecari

Una biblioteca digitale personalizzata

Con ReteINDACO, il bibliotecario esercita a pieno la sua funzione di mediatore culturale. Infatti seleziona le risorse da rendere disponibili agli utenti del proprio sistema.

Lo “Store” di ReteINDACO contiene tutte le risorse digitali disponibili e in questo spazio digitale il bibliotecario sceglie quelle da proporre ai propri utenti.

Questo approccio “su misura” permette di creare collezioni calibrate sulle specifiche esigenze in modo puntuale ed estremamente personalizzato.

 

I processi di selezione e acquisto sono molto rapidi. L’acquisizione di collezione di ampie dimensioni avviene automaticamente.

Specifiche funzionalità supportano il bibliotecario nel governo dei processi di prestito, di consultazione e di accesso ai contenuti digitali.

Dati statistici e liste offrono informazioni complete e un controllo pieno di tutte le situazioni e le attività..

All’interno di ReteINDACO sono presenti notizie bibliografiche e metadati descrittivi relativi ad altri materiali (ad esempio museali).

 

 

 SebinaNEXT e ReteINDACO

 

ReteINDACO per bibliotecari

Le risorse digitali di ReteINDACO sono inserite direttamente nel catalogo SebinaNEXT (o SebinaOL) come se fossero il risultato di una catalogazione manuale o derivata. Sono fruite dagli utenti insieme agli altri materiali posseduti con il catalogo-portale del sistema bibliotecario realizzato con la piattaforma SebinaYOU.

La piena integrazione con il catalogo facilita il processo di fruizione. E’ molto semplice per gli utenti rintracciare gli ebook e le altre risorse digitali nello stesso ambiente nel quale sono già abituati a muoversi e che conoscono perfettamente.

Il risultato della ricerca è, infatti, una lista nella quale sono presenti insieme  i documenti tradizionali e le risorse digitali.

Con una sola autenticazione si accede a tutte le risorse disponibili e a tutti i servizi che il sistema bibliotecario rende disponibili, per tutte le tipologie di risorse, digitali e tradizionali.

L’utente trova quindi nel suo “spazio utente” un quadro completo della sua situazione e delle sue scelte, per entrambe le tipologie di materiali.

Per il bibliotecario questa integrazione “profonda” con il catalogo offre il vantaggio di avere le risorse digitali trattate esattamente come i documenti tradizionali all’interno dei processi della biblioteca: dai prestiti alla gestione utenti, dal catalogo alle statistiche, etc.

 

Alcuni esempi di utilizzo di ReteINDACO nei Portali Sebina.

 

 

 

ReteINDACO e altri ILS (Integrated Library System)

ReteINDACO per bibliotecari

 

ReteINDACO si affianca ai sistemi di consultazione del catalogo bibliotecario già presenti presso il sistema bibliotecario o la biblioteca.

I possibili livelli di integrazione con le piattaforme in uso possono essere diversi:

  • si accede a ReteINDACO attraverso credenziali assegnate dalla biblioteca
  • si attiva il servizio di auto-registrazione
  • sono attivati meccanismi di single-sign-on basati su varie tipologie di standard/piattaforme.

Può essere interessante unificare all’interno della piattaforma di fruizione di ReteINDACO, le risorse digitali e le risorse tradizionali provenienti dal catalogo della biblioteca o del sistema bibliotecario.

Sono possibili ampie personalizzazioni delle modalità di comunicazione (interfaccia, progetto grafico, …) e dei servizi da rendere disponibili agli utenti.

Un esempio è il Sistema Bibliotecario Urbano di Genova con il servizio  di Biblioteca digitale realizzato con  ReteINDACO.

 

I modelli per il prestito digitale degli ebook commerciali

ReteINDACO per bibliotecari

Gli ebook commerciali sono soggetti alle regole di prestito digitale definite dagli editori. Sono protetti da DRM Adobe e ogni prestito dura 14 giorni

Due i modelli principali:

  • one user one copy :  ogni copia può essere presa in prestito da un utente per volta, con la possibilità per gli altri utenti di mettersi in lista di prenotazione. Per avere più prestiti contemporanei occorre acquistare più copie dello stesso ebook.  Gli ebook che seguono questo modello sono quelli degli editori distribuiti da Edigita (tra cui, ad esempio, Gruppo RCS, Feltrinelli, Garzanti,… ) e quelli del Gruppo Mondadori.

 

  • pay per view : la biblioteca non compra l’ebook, lo sceglie e lo propone ai suoi utenti. Gli ebook in pay per view possono essere presi in prestito senza limitazione del numero di prestiti contemporanei.  Seguono questo modello gli ebook distribuiti dalla piattaforma StreetLib e Bookrepublic. 

 

Se vuoi saperne di più ti consigliamo di leggere anche:  Prestito digitale e FAQ