Menu
comitato scientifico

ReteINDACO novità, l’intervento del Presidente al 2°SebinaCAMP

Al Presidente di ReteINDACO spetta il compito di raccontare ciò che è successo nell’anno trascorso e le ultimissime della Rete di risorse digitali che condividiamo.

Innanzi tutto il restyling del sito con un nuovo logo, semplice ed accattivante. Una costruzione che lo avvicina più ad un blog piuttosto che ad un sito tradizionale.  L’immagine del binario 9 ¾  dell’ultimo post pubblicato, potrebbe suggerire a tutti noi, sia la parabola della Rowling, sia la possibilità, sempre esistente, di immaginare possibili incursioni in e da mondi paralleli.

Ma prima di tutto contiamoci. Quanti siamo? Sono 17 le regioni che aderiscono a Rete Indaco con 3.000 biblioteche.

E tutte partecipano con un loro rappresentante al Comitato Scientifico. Comitato che nell’estate scorsa ha operato al suo interno una trasformazione importante e necessaria per un migliore funzionamento. Infatti è stato snellito riducendo il numero dei membri, ma mantenendo però la rappresentatività di tutte le regioni e di tutti i poli aderenti. Un cambiamento voluto per porre rimedio a situazioni di impasse o lentezze decisionali.  A volte causate, paradossalmente, perché si era in troppi e con scarse autonomie.  Più snelli e più rapidi, potrebbe essere il nostro slogan!

ReteINDACO: 2 milioni di risorse digitali

Oggi il catalogo raccoglie oltre 2 milioni di risorse: è di questi ultimi giorni infatti un ulteriore aggiornamento.  Come sappiamo gli aggiornamenti avvengono due o tre volte l’anno e potrebbero sembrare anche pochi. Ma dobbiamo ricordare che le attività che il termine “incremento” comprende, comportano però una molteplicità di interventi. Interventi volti non solo all’aumento delle risorse disponibili ai nostri utenti, ma soprattutto all’omogeneità dei dati e all’ottimizzazione della ricerca.

ReteINDACO novità

Questi oltre due milioni di risorse presenti, sono poi suddivise in 16 grandi tipologie, rappresentate in un puzzle multicolore, che restituisce la molteplicità degli interessi del nostro pubblico.

ReteINDACO novità

ReteINDACO novità: dizionari e audiolibri

Ma continuiamo con altre novità: sono ora molti di più i dizionari presenti su Ubidictionary, editi dalle più affidabili case editrici specializzate (Oxford University Press, Collins, Zanichelli, Vox e altri). I dizionari sono messi a disposizione attraverso la piattaforma creata dal GruppoMeta.

Circa 3.000 sono i nuovi audiolibri di Ad Alta Voce, che portano ad un totale di quasi 12.000 il patrimonio di questa risorsa. Promuoviamola sempre più: convinciamo gli utenti, soprattutto quelli che non fanno parte delle categorie forti nella lettura.  Convinciamoli di quanto sia piacevole ascoltare una “voce professionista” che ci legge un libro in auto, mentre puliamo casa, andiamo al lavoro, siamo in palestra o corriamo in città.

Infatti gli audiolibri sono per tutti : non solo per chi ha delle disabilità. Permettono di ascoltare una buona lettura nei luoghi e nei momenti in cui “abbiamo le mani occupate”!

ReteINDACO novità: i video TED

E ancora i video TED (Technology Entertainment Design) , il marchio della The Sapling Foundation di conferenze per la crescita personale e la diffusione di conoscenze. Oltre un migliaio di conferenze video disponibili. Ricordiamo come inizialmente questa iniziativa da mezzo flop sia diventata un evento. Negli anni ‘90 diventa stabile, con cadenza annuale e con una sede, a Monterey in California. Iniziativa che attrae un crescente pubblico composto da persone provenienti da diverse discipline, unite dalla curiosità verso argomenti a loro poco noti o del tutto sconosciuti.

Oggi gli eventi TED si svolgono in tutta Europa, Nord America, ed Asia, con conferenze diffuse in live streaming e con relatori da ogni parte del globo. L’obiettivo di questo progetto è quello di rendere accessibili idee e argomenti i più diversi, per una crescita della conversazione globale. E per coloro che non sono ferratissimi nella lingua inglese, i video disponibili in Rete Indaco sono sottotitolati.

ReteINDACO novità: oltre 1,3 milioni di articoli DOAJ

Ancora, oltre 1 milione e trecentomila sono gli articoli tratti dal DOAJ, il portale, nato e lanciato nel 2003 dall’Università svedese di Lund. Portale che raccoglie ed offre il libero accesso a numerosi e-journals, suddivisi in macro-categorie, pubblicati da editori di 130 paesi e con un’ampia copertura disciplinare. Questa è la risorsa sulla quale ReteINDACO ha lavorato di più nell’ultimo anno con l’ampliamento del panorama linguistico e con l’ottimizzazione del controllo sui metadati.

ReteINDACO novità: gli ebook DOAB e EUT

E adesso gli e-book che continuano ad aumentare, sia quelli provenienti dalle piattaforme a pagamento che da quelle gratuite. La novità sono i diecimila e-book DOAB e i 5.400 di EUT, le Edizioni dell’Università di Trieste. Si tratta di risorse, disponibili full-text, prevalentemente di carattere scientifico e saggistico, come è naturale che sia dato l’editore.

Permettetemi di cogliere l’occasione per ringraziare i colleghi dell’Università di Trieste, non solo per la messa a disposizione di questo prezioso patrimonio, ma anche e soprattutto per il lavoro di catalogazione dello stesso. Siamo tutti sempre più oberati di compiti nuovi e nelle nostre istituzioni, chi più chi meno, ci occupiamo di molte cose, non sempre e non solo strettamente legate ai nostri saperi professionali.  A maggior ragione quindi ringrazio tutti coloro che in maniera occasionale o più strutturata, donano del loro tempo per far sì che Rete Indaco cresca in qualità oltre che in quantità.

Film e MAB

A proposito di film, ricordiamoci dell’opportunità, in virtù della collaborazione con MyMovies, di poter acquistare “biglietti unlimited” della durata di 48 ore, per vedere i film trasmessi dalla piattaforma.

Musei/Archivi/Biblioteche e le loro collezioni digitali visibili dallo stesso catalogo. Convergenza, un tema a me caro: ecco allora la possibilità di utilizzare le risorse museali di una parte del patrimonio proveniente dalla Fondazione Musei di Torino e Cultura Italia (52.000). L’impegno è di incrementare ancora di più questo settore.

ReteINDACO: le lingue

E risorse in ancora più lingue, oggi 92. La nostra società è sempre più multietnica e multilingue, che lo si voglia o meno. Aumentiamo, quindi, le possibilità di acquisire strumenti per coloro che arrivano da paesi altri, anche attraverso queste risorse: comunichiamole, pubblicizziamole, raccontiamole e invitiamo ad usarle.

ReteINDACO novità: l’accesso anche senza credenziali e a tutto lo store

Ed eccola l’altra novità voluta dal Comitato Scientifico, anticipata l’anno scorso da Corrado Alberti e adesso operativa: accedere alle risorse gratuite sarà per tutti possibile anche senza accreditarsi presso una delle biblioteche Rete Indaco; muoversi fra tutte le risorse, anche quelle non selezionate dalla biblioteca cui facciamo riferimento, suggerire un acquisto. Seguiamo il post su Francesca, una giovane donna che ama Jane Austin e che ha in Orgoglio e Pregiudizio uno dei suoi libri preferiti , mentre naviga in Rete Indaco attraverso il sito della sua biblioteca di riferimento e ne scopre tutte le possibilità.

I nostri lettori

Chi sono i lettori di Rete Indaco? La maggioranza sono donne, ben il 60%, e d’altra parte…; la fascia d’età più rappresentata è quella degli over cinquantenni, subito seguita da coloro che vanno dai quaranta ai cinquanta. Non malissimo per i lettori che si collocano fra i sessanta e i settanta anni e quelli fra i trenta e quaranta, ma bisogna cercare di incrementare. Ma ragazzi, non ci siamo né con gli over settanta, né con le fasce più giovani, specie i giovanissimi. Di cosa si occupano? Sono soprattutto impiegati, poi ci sono i pensionati e a quasi a pari merito i professionisti e la categoria degli studenti e insegnanti. Fanalini di coda casalinghe e operai.

E cosa hanno letto nel 2017? Beh, i romanzi sono il genere più prestato e fra questi le novità e i vincitori dei premi, che costituiscono però anche la top ten dei libri acquistati dalle biblioteche. Mentre sono consultati soprattutto manuali e saggi di arte, di economia piuttosto che di architettura e di psicologia. Comunque il 2017 ha registrato un incremento del 24% rispetto all’anno precedente.

ReteINDACO novità: Raccontando ReteINDACO 2017

Stiamo arrivando alla fine del racconto del 2017. E allora per concludere, vi invito a scaricate il nuovo e-book “Raccontando Rete Indaco”, che raccoglie e pubblica i 33 post scritti nel corso dell’anno scorso, ma soprattutto a contribuire, con nuovi apporti per il 2018. E non scordatevi di seguire le novità anche sui social!

No Comments Found