#25novembre Per quanto tempo ancora?


#25novembre giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

#25novembre

Oggi 25 novembre 2017, la Presidente della Camera ha voluto che l’Aula della Camera e le altre sale fossero aperte solo alle donne. 1.300 donne provenienti da tutta Italia, vittime di violenza e a chi le sostiene.

Per quanto tempo ancora dovremo ascoltare storie di donne uccise, donne a cui sono uccisi i figli, donne sottoposte a ogni genere di violenza?

Quante volte dovremo ascoltare la storia di Antonella Penati a cui il compagno ha ucciso il figlio Federico e  ha ucciso anche lei. Perchè lei non è più viva da quando il suo bambino non c’è più.

E quante volte volte dovremo sentire le storie come quella di Filomena Di Gennaro che voleva fare il carabiniere e oggi fa la psicologa in sedia a rotelle perchè il suo stalker ed ex fidanzato non condivideva la sua scelta e quindi è intervenuto, a modo suo?

Ancora ci chiediamo per quante altre volte dovrà essere la madre a raccontare la storia della figlia, come nel caso di Sara Di Pietrantonio, uccisa dal fidanzato.

O per quanto tempo ci saranno violenze nel posto di lavoro come il caso di Serafina Strano, la dottoressa stuprata in Sicilia da un paziente mentre era in servizio alla guardia medica.

Non proseguiamo oltre con gli esempi. Decine, centinaia di esempi. Di donne che scontano, loro sì e non i loro aguzzini, un fine pena mai.

#25novembre

Cosa scegliere dallo scaffale digitale di ReteINDACO?

Tantissimi sono gli ebook che parlano della violenza sulle donne (e sui figli) e sono di denuncia, di supporto, di analisi.

Ne abbiamo scelto soltanto uno. Come testimonianza.

Il libro di Serena Dandini racconta delle “vittime di femminicidio come se potessero parlare in prima persona. Tra le mura delle case italiane si nasconde una sofferenza silenziosa, che risponde al nome di violenza domestica. E che sale alla ribalta delle cronache quando ormai è troppo tardi. Un libro necessario che dà voce a tutte le donne che non sono state ai patti, pagando con la vita la loro disubbidienza.”

Non occorrono altre parole.

Solo una risposta alla domanda: per quanto tempo ancora?

 

______________________________________

Post a cura di Anna Busa – Redazione ReteINDACO