Le riviste AIB Associazione Italiane Biblioteche


Le riviste AIB  hanno dato fin dalla loro nascita un apporto fondamentale alle riflessioni sviluppatesi nell’ambito della biblioteconomia italiana.

 

Le riviste AIB

«Quale Direttore Generale delle Accademie e Biblioteche d’Italia e Direttore della rivista omonima, desidero rivolgere un augurale saluto a Notizie AIB che si cominciano ora a pubblicare per deliberazione del nuovo Consiglio direttivo dell’Associazione Italiana per le Biblioteche, presieduto con autorità e promettente slancio dall’illustre prof. Calderini». (Guido Arcamone)

 

«Dalle pagine di questo Bollettino, che con nuovo titolo riprende le pubblicazioni dopo oltre un anno e mezzo d’interruzione, invio, nella mia qualità di Presidente del Comitato Direttivo Provvisorio dell’AIB un deferente saluto al Direttore Generale delle Accademie e Biblioteche, prof. Attilio Frajese. Un saluto cordiali rivolgo anche a tutti i Soci, insieme a un caldo invito a collaborare al periodico e, più in generale, a prendere attiva parte alla vita dell’Associazione, in spirito di serena concordia». (Ettore Apollonj)

 

«Da questo numero il «Bollettino» si presenta con una veste nuova, un Comitato scientifico e una redazione rinnovati. C’è anche un piccolo cambiamento di titolo, o, meglio, la rivista assume anche formalmente il nome con cui siamo abituati a chiamarla». (Alberto Petrucciani)

Le riviste AIB

 

Con queste tre frasi si aprivano rispettivamente i primi numeri di Notizie AIB: Bollettino dell’Associazione italiana biblioteche, Bollettino d’informazioni AIB e Bollettino AIB. Le riviste AIB hanno documentato dal 1955 al 2011 l’attività dell’Associazione italiana biblioteche e, più in generale, delle biblioteche italiane.

Ne parliamo perché a Febbraio 2016 l’AIB ha reso disponibile una parte del suo retrospettivo. Ciò è avvenuto in occasione della pubblicazione open access di AIB studi (che delle riviste sopra citate è la continuazione).

Si tratta, in particolare, proprio di Notizie AIB: Bollettino dell’AIB (dal 1955 al 1960) e del Bollettino d’informazioni (dal 1961 al 1966). Questo dopo che in precedenza era già stato digitalizzato il Bollettino AIB. Tutte e tre le riviste sono disponibili ad accesso aperto su piattaforma OJS, curata e mantenuta da CINECA.

Le riviste AIB: Notizie AIB. Bollettino dell’AIB e Bollettino d’informazioni

Le annate di Notizie AIB e Bollettino d’informazioni sono state rese disponibili per fascicolo e non per articolo. Tale scelta è stata dettata dal fatto che gli articoli di quel periodo presentano alcune caratteristiche particolari. Ad esempio, sono per la maggior parte firmati con iniziali o presentati in forma anonima. Oppure non occupano uno spazio facilmente distinguibile all’interno del fascicolo. E’ infatti molto frequente che, finito un articolo, il successivo cominci subito dopo e non alla pagina successiva.

L’AIB non esclude prossimamente di trattare gli articoli singolarmente e sta lavorando per rendere ricercabili i pdf delle annate recuperate.

I lavori sono stati condotti dal DigiLab di Sapienza Università di Roma e dal Gruppo di lavoro per la metadatazione del Bollettino AIB. Nel corso dei prossimi mesi si provvederà alla digitalizzazione e metadatazione delle restanti annate 1967-1991 del “Bollettino d’informazioni”.

Le riviste AIB: Bollettino AIB

Per quanto riguarda il Bollettino AIB Rivista italiana di biblioteconomia e scienze dell’informazione (1992-2011), come ricordato, era già stato reso disponibile ad accesso aperto, sempre su software OJS.

I sommari del Bollettino AIB sono consultabili per l’intero periodo di vita del periodico.

Per gli anni 2002-2011 sono disponibili i full text (PDF) di tutti gli articoli. Per gli anni 1992-2001, sono stati recuperati articoli scelti, già pubblicati in formato digitale in AIB-WEB. In totale si tratta di 74 fascicoli, con oltre 1800 articoli. Di questi, più di 1.100 sono disponibili in full text, in PDF e/o in HTML.

Gli archivi di queste riviste sono quindi ora liberamente consultabili in ReteINDACO, a disposizione di studiosi o semplici interessati. Per conoscere il grande patrimonio di idee contenuto nelle pagine delle riviste dell’AIB dagli anni Cinquanta del secolo scorso ad oggi.

 

_____________________

Post a cura di Emiliano Santocchini  – Redazione ReteINDACO

Creative Commons – Attribuzione – Non Commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia