Storia di una ladra di libri, le parole che salvano la vita


In Storia di una ladra di libri il narratore è decisamente fuori dal comune. E’ la Morte, che, a volte, si sente affascinata (e, voglio aggiungere, sorpresa) dagli esseri umani. Affascinata al punto che, ogni tanto, si prende l’impegno di osservare e seguire la vita di qualcuno.

“Non possiedo una falce. Indosso una veste nera con cappuccio solo quando fa freddo. Non ho quel viso da teschio che sembrate divertirvi ad appiopparmi. Vuoi sapere qual è il mio vero aspetto? … cerca uno specchio.”

Storia-di-una-ladra-di-libri-770x439_c

Siamo nella Gemania nel 1938 e la protagonista è Liesel Meminger è una bambina di nove anni in viaggio con la madre e il fratellino, Werner, su un treno diretto alla città di Molching. Durante il viaggio, il piccolo Werner muore ed è in questa occasione che la Morte incontra per la prima volta Liesel e ne rimane affascinata.  Werner viene seppellito in un cimitero accanto alla ferrovia, durante il funerale, Liesel ruba un libriccino (il Manuale del becchino) perduto da uno degli addetti alla sepoltura.

Liesel non può seguire la madre, in fuga per motivi politici, e viene adottata da una coppia, Hans e Rosa. Hans è un uomo gentile che fa l’imbianchino, ma non trova lavoro perché non vuole iscriversi Partito Nazista;  Rosa, ha un apparente carattere burbero ma in fondo ha un cuore d’oro. Mantiene la famiglia facendo il bucato per le famiglie facoltose della città.

Liesel non sa nè leggere nè scrivere, il primo giorno di scuola è umiliante per lei, insultata dai compagni. Sarà Hans che le insegnerà a leggere usando proprio quel  Manuale del Becchino da lei “rubato” al termine del funerale del fratello.

Liesel e Rudy (un coetaneo vicino di casa)  entrano a far parte della Gioventù Hitleriana e una sera assistono al rogo dei libri considerati inquinanti per il Reich. Dal rogo ancora fumante, Liesel ruba il romanzo di uno scrittore inglese (L’uomo invisibile di H. G. Wells), e Liesel annota tutte le parole nuove che impara su un abecedario regalatole da Hans.

29574_ppl

Dopo qualche tempo, ecco l’incontro con Max, giovane ebreo scampato alle violenze della Notte dei cristalli e nascosto a lungo nella loro casa da Hans al quale il padre del giovane aveva salvato la vita durante la prima guerra mondiale . E questo incontro segna l’inizio di una bellissima, straordinaria amicizia.

In Liesel l’amore per la lettura e per i  libri è sempre più vivo. Straordinario è l’incontro con Ilsa o megllio, con la biblioteca di Ilsa, la moglie del sindaco Una biblioteca ricchissima che appartiene al figlio disperso in guerra della coppia e che la madre custodisce gelosamente. Dalla biblioteca Liesel “prenderà in prestito” tanti libri, per leggerli e per condividerli con l’amico Max a lungo ammalato nell’inverno del 1941.

28047

La vita prosegue con grandi difficoltà … Max è costretto ad andarsene per evitare di essere scoperto e quindi compromettere la famiglia. Hans stesso dovrà andare in guerra nonostante l’età non più giovane per aver difeso un amico ebreo. E’ il 1943 quando Hans viene rimandato a casa dopo essere scampato con lievi ferite all’esplosione di una bomba. La famiglia è finalmente riunita.

Ma la serenità riacquistata è breve, una notte, Molching viene bombardata per errore e Hans, Rosa e tutta la famiglia di Rudy, con l’eccezione del padre, Alex rimangono uccisi. Liesel sopravvive perché si era addormentata in cantina mentre scriveva su un diario donatole da Max. Rimasta sola sarà Ilsa, la moglie del sindaco, a prendersi cura di lei.

Siamo nel 1945, la Germania è occupata dagli Alleati.  Liesel, che ora lavora nel negozio di sartoria di Alex Steiner, il padre di Rudy, si riunisce a Max, sopravvissuto alla guerra.

La Morte conclude la storia della ladra di libri raccontando di come Liesel visse una vita lunga e felice, ebbe una famiglia numerosa e la sua amicizia con Max durò fino alla fine dei suoi giorni.

Fin qui la trama del libro.

copertina

Andiamo oltre la narrazione degli eventi …

Un libro bello e straziante, che ci racconta il dolore e le sofferenze vissute durante la seconda guerra mondiale.

Alcune pagine sono bellissime, laceranti …  :
Le loro anime si alzavano in piedi quando i loro corpi cessavano di cercare fessure nella porta. Le loro unghie avevano graffiato il legno, e in qualche caso vi si erano piantate dentro con la pura forza delle disperazione, e i loro spiriti venivano verso di me, tra le mie braccia, e ci arrampicavamo fuori di quelle docce, sul tetto e più su ancora, nel respiro sicuro dell’eternità. Non cessavano di rifornirmi: un minuto dopo l’altro, una doccia dopo l’altra. Non dimenticherò mai il primo giorno ad Auschwitz, la prima volta a Mauthausen. In quel posto, mentre il tempo si consumava, ne raccolsi anche sul fondo del grande baratro, dove i loro tentativi di fuga si conducevano orribilmente. C’erano corpi straziati e dolci cuori morti.

Ma il tema principale è e rimane il libro e la lettura.

Osservava le lettere sulla copertina e sfiorava la stampa al suo interno, ma non aveva idea di che cosa dicesse. Non era importante l’argomento di quel libro; la cosa fondamentale era il suo significato.”

La Notte dei Cristalli ci mostra il pericolo che vede il Potere nella parola stampata : pensieri, principi, o anche solo invenzioni letterarie che fanno paura ? Impossessarsi dei libri sbagliati,  è un delitto che apre la mente, ma può costare caro.

Il furto del libro per Leisel è come lo strumento per abbattere steccati e aprire nuove strade, verso la conoscenza.

Liesel impersona l’innocenza, l’innocenza tipica di chi vuole conoscere, capire, imparare, vivere in modo consapevole la propria vita.

Stringeva ancora a sé il libro. Si aggrappava disperatamente alle parole che le avevano salvato la vita.”

Forse è proprio questo che ha affascinato la Morte?

 

28052

 

Storia di una ladra di libri di  Markus Zusak è disponibile in ReteINDACO nell’edizione di Sperling & Kupfer, ad esempio in TVB Biblioteche trevigiane.

 

 

______________________________________

Il post è di  Anna Busa – Redazione ReteINDACO

Creative Commons – Attribuzione – Non Commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

Le Immagini  del film sono tratte da http://www.comingsoon.it/film/storia-di-una-ladra-di-libri/50019/foto/#11