ReteINDACO : 5 proposte per il Natale


Anche noi di ReteINDACO abbiamo pensato, in tempi di elenchi e classifiche, di stilare la nostra lista . L’abbiamo divisa in due parti, queste sono le prime 5 proposte e visto che il Natale è una festa speciale soprattutto per i bambini, abbiamo voluto dedicarle a loro.

post1

 

#1 – Rover salva il Natale

Definito “un genio assoluto” da J.K. Rowling, Roddy Doyle ci regala un’avventura troppo divertente  … anche per noi adulti 🙂

rover

“I bambini la sera non vogliono mai andare a letto. Tranne il 24 dicembre. Ma non sanno che Babbo Natale è davvero nei guai e che i loro regali sono seriamente in pericolo. Rudolph, la renna più forte e più veloce, che sa orientarsi a occhi chiusi tra le stelle, la renna più esperta negli atterraggi sui tetti, la renna che canta volando da un paese all’altro, è in sciopero. Babbo Natale sa che c’è solo un animale in grado di sostituire Rudolph: un cane di nome Rover! Riuscirà l’astuto elfo inviato da Babbo Natale a convincere il cane più furbo del mondo – quello che vendeva la cacca ai Ridarelli – a lavorare gratis per una notte intera? Un volo a perdifiato intorno al globo terrestre, una corsa contro il tempo, tra demenziali intervalli pubblicitari, capitoli capricciosi, lucertole innamorate e imprevisti esotici di ogni genere… È una notte speciale: stavolta anche i bambini possono viaggiare con Babbo Natale, e dal cielo cade zucchero invece che neve.Una notte magica e piena di risate, che solo il genio di Roddy Doyle poteva creare”.

#2 – Cantico di Natale di Charles Dickens

Non poteva mancare uno dei classici più classici. In ReteINDACO sono moltissime le proposte disponibili, quasi una trentina. Noi abbiamo scelto di evidenziare due proposte in libera consultazione, senza limitazioni, di Liber Liber . Sono un audiolibro e un pdf entrambi disponibili, ad esempio nel Polo Bibliotecario della Regione Veneto

Di seguito, trovate invece il frontespizio della versione originale del 1843

Charles_Dickens-A_Christmas_Carol-Title_page-First_edition_1843

#3 Angeli di Natale. Decorazioni guidate per vivere l’atmosfera natalizia

Questa proposta è bellissima, per ha la fortuna di avere in casa bimbi piccoli coi quali creare le decorazioni di Natale .  Disegnare deliziosi Angeli con pochi e semplici tratti,per decorare Biglietti di Auguri, i doni natalizi e persino la porta di ingresso della vostra casa e l’Albero di Natale.

angeli

#4 Babbo Natale porta sempre i regali

Laura Mandolesi, nata a Roma nel 1972, è ricercatore universitario in psicobiologia, nel tempo libero ama scrivere storie per ragazzi e favole per bambini. Questo ebook ha bellissime illustrazioni realizzate dal figlio dell’autrice: chi meglio di un bambino poteva riuscirci?

mandolesi

“Tutti i bambini hanno diritto a vivere la magia di Babbo Natale che porta sempre un dono perché è buono e legge il cuore dei bambini… anche se questo, come osserva il protagonista, è racchiuso dentro lo scheletro. Una favola, quindi, per i più piccoli, ma rivolta anche ai grandi perché racchiude il messaggio che non esistono bambini cattivi, ma solo comportamenti modificabili con le dovute accortezze. Un delicato e toccante racconto natalizio che, in poche pagine, riesce a trasmettere tutta l’emozione, la spasmodica attesa, la vibrante eccitazione di ogni bambino per l’arrivo del personaggio più emblematico delle festività natalizie”.

#5 La favola di Natale : Le opere di Giovannino Guareschi

« Stretta la foglia – larga la via

dite la vostra – che ho detto la mia.
E se non v’è piaciuta – non vogliatemi male:
ve ne dirò una meglio – il prossimo Natale,
e che sarà una favola – senza malinconia;
C’era una volta – la prigionia… » (G.Guareschi)

Scritta e illustrata da Giovannino Guareschi nel dicembre 1944 durante il periodo di prigionia, con  Freddo, Fame e Nostalgia come  muse ispiratrici, la favola  venne raccontata per la prima volta la sera della Vigilia di Natale dello stesso anno nella sua baracca nel campo di prigionia.  La favola “racconta di un bambino di nome Albertino (figlio dell’autore), della sua nonnina, del suo cagnolino Flick, di una lucciola e del loro incredibile viaggio verso il campo di concentramento in cui si trova il padre di Albertino. Durante il viaggio la combricola fa conoscenza di funghi parlanti, cornacchie canterine, oggetti animati, angeli e tante altre stranissime creature. La favola si conclude con un tanto povero quanto miracoloso pranzo di Natale in cui Albertino si è finalmente ricongiunto con il padre, ma alla fine il papà di Albertino deve tornare al suo triste campo e Albertino con la nonna e Flick alle loro case…

disegno

 

Il post è a cura della  Redazione ReteINDACO

Creative Commons – Attribuzione – Non Commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia